#ilFoodResiste

Una Mole di Panettoni. Ecco i vincitori della nona edizione

Una Mole di Panettoni proclama i suoi vincitori. Nell’anno in cui gran parte degli eventi, fiere e competizioni dedicate al food è stata annullata a causa della pandemia, la competizione piemontese dedicata da nove anni al dolce per eccellenza che identifica il periodo natalizio, si è svolta all’Hotel Principi di Piemonte di Torino, nei giorni scorsi, non in presenza dei maestri pasticceri, panettieri, panificatori ma dei frutti del loro lavoro. Rispetto alle passate edizioni sono state chiuse anche le porte al pubblico.

“Il semplice “fare” in un anno complicato come questo è già un grande atto di fede verso il nostro lavoro. Abbiamo assistito a un panel di panettoni strepitosi è l’unico commento che mi sento di fare”, dichiara appena calato il sipario, Laura Severi e Matilde Sclopis di Salerano, organizzatrici dell’evento, dopo i risultati svelati della giuria, capitanata dal pasticcere torinese Giovanni dell’Agnese: “Ringraziamo i pasticceri, i panificatori, i professionisti tutti che di tutta Italia che hanno portato a Torino panettoni davvero interessanti”. Sulla metodologia di selezione dei partecipanti l’organizzazione è chiara: “Sono stati ammessi al concorso solo ed esclusivamente lievitati prodotti con lievito madre e non sono stati ammessi panettoni contenenti mono e di gliceridi, conservanti in genere, coloranti o aromi di sintesi che non siano naturali”.

Agli occhi balza un dato preciso, dando uno sguardo alla classifica finale: ad aggiudicarsi il titolo nelle due categorie principali, Panettone tradizionale di scuola piemontese e scuola milanese, non sono stati dei pasticceri ma nei panificatori. Dite che sia un bene? Ai posteri l’ardua sentenza.

Categoria Panettone tradizionale di scuola piemontese (basso con la glassa) a Una Mole di Panettoni

  • 1° classificato – Panificio I frutti del Grano di Collegno (TO) – capo pasticcere Marco Voci
  • 2° classificato – Panificio Pan e Dolci di San Martino di Lupari (PD) – capo pasticcere Luca Gottardello
  • 3° classificato – Antica Pasticceria Castino di Pinerolo (TO) – capo pasticcere Davide Muro

Categoria Panettone tradizionale di scuola milanese (senza glassa) a Una Mole di Panettoni

  • 1° classificato – Il Forno Rizzo di Tarcento (UD) – Capo Pasticcere Alessandro Rizzo
  • 2° classificato – Pasticceria La Delizia di Santa Maria La Carità (NA) – Capo Pasticcere Michele Somma
  • 3° classificato – Pasticceria La Ruota di Agropoli (SA) – Capo Pasticcere Rosetta Lembo

Categoria Panettone Creativoa a Una Mole di Panettoni

  • 1° classificato – Pasticceria Mascolo di Visciano (NA) – “Panettone Borbonico” – Capo pasticcere Giuseppe Mascolo
  • 2° classificato – Pasticceria Memmolo di Mirabella Eclano (AV) – Capo Pasticcere Annibale Memmolo – “Pan Nocciolatte”
  • 3° classificato – Pasticceria Franchini di Soleto (LE) – Capo Pasticciere Alessandro Franchini – Panettone “Cupeta caffè e fichi”

Categoria Panettone Salato a Una Mole di Panettoni

  • 1° classificato – Antica Pasticceria Castino di Pinerolo (TO) – Capo pasticcere Davide Muro – Panettone Salato pesto e pomodori secchi, olive taggiasche e parmigiano
  • 2° classificato – Pasticceria Vanily di Carinaro (CE) – Capo pasticcere Luigi Conte – Panettone Salato Papacelle e Baccalà
  • 3° classificato – Pasticceria Dolcevita di Codroipo (UD) – Capo pasticcere Simone Bortolus – Panettone Salato con speck di Sauris, cipolla rossa di Cavasso e della Val Cosa (presidio slow food) e formaggio latteria della latteria di Pradis di sopra

 

 

 

a cura di Nadia Afragola

production mode