Chef e Ristoranti

Les Toques Blanches d’Honneur tornano in Toscana

Appuntamento annuale, prestigiosamente patrocinato dalla Regione Toscana, che premia l’esperienza e l’impegno in cucina, valorizzando la figura del cuoco. Come ogni anno APCI – Associazione Professionale Cuochi Italiani – organizza il Congresso Nazionale “Les Toques Blanches d’Honneur”, momento riservato alla celebrazione del lavoro quotidiano di tanti professionisti e dedicato all’approfondimento di temi formativi, importanti per la crescita della figura del cuoco. Quest’anno l’appuntamento è in Toscana, il 14 e il 15 novembre, con due tappe importanti: la prima a Montecatini Terme e la seconda a Pistoia.

Il 14 novembre a Montecatini Terme si svolgerà la cerimonia di consegna dei Cappelli d’Onore – Les Toques Blanches d’Honneur, che avrà come protagonisti oltre 160 tra chef e ristoratori, provenienti da tutta Italia e dall’estero. A fare da cornice alla giornata, ricca di momenti di formazione e di convivio, il coinvolgimento degli chef di Vetrina Toscana che accoglieranno gli ospiti proponendo la migliore interpretazione culinaria delle Dop&Igp Toscane. Assoluta novità di questa edizione, il Pranzo Inaugurale di Benvenuto: un pranzo didattico esclusivo di apertura del congresso, per introdurre gli chef in un territorio dalle innumerevoli ricchezze enogastronomiche. All’evento sarà presente anche la Squadra Nazionale APCI Chef Italia e i piu rinomati chef e pasticceri, eccellenze del territorio.  Durante la giornata si svolgeranno diversi workshop e momenti di aggiornamento organizzati grazie all’esperienza delle più importanti aziende del Food Service. A chiudere una Cena di Gala preparata dalle sapienti mani dei cuochi di APCI – Delegazione di Montecatini.

Nell’ambito del congresso 2016, presso il Pistoia Nursery Campus , il 15 novembre, si svolgerà un’importante tavola rotonda dedicata al tema “Obiettivo Apprendistato”, momento di analisi e approfondimento sull’importanza della collaborazione tra la scuola e il mondo del lavoro. APCI si è posta per il biennio 2016/2017 l’obiettivo di lavorare sul miglioramento della relazione tra gli Istituti alberghieri e la ristorazione, per individuare modalità di collaborazione e prospettive di formazione per i ragazzi che stanno studiando, gli chef del futuro. Due mondi spesso distanti, scuola e lavoro, che devono invece avvicinarsi per poter creare nuovi percorsi e prospettive di crescita.

Lo scopo è quello – spiega Sonia Re, Direttore Generale di APCI – di creare un legame ancora più stretto tra due mondi a volte opposti ma legati indissolubilmente da sogni, speranze e passioni di centinaia di giovani. Abbiamo iniziato il dialogo a Bologna, a primavera, interrogandoci sulle caratteristiche che dovrebbe avere il “commis perfetto”. Sono emersi tantissimi spunti di riflessione che denotano come l’apprendistato sia un momento di crescita per i giovani, ma non solo per loro. È uno scambio in termini di tempo e conoscenze”.

Per questo il tema prosegue, coinvolgendo relatori anche istituzionali che potranno aiutare a comprendere la strada migliore per rendere questo percorso concreto.

Nel corso della tavola rotonda, inaugurata dalla Regione Toscana e moderata da Luigi Franchi, si alterneranno gli interventi di Gianna Martinengo, Consigliere della Fondazione FieraMilano; Aldo Cursano, Presidente Vicario di FIPE; Ernesto Iaccarino, Presidente Europe dei JRE. E’ inoltre prevista la partecipazione di AMPI, Accademia Maestri Pasticceri Italiani. Insieme a loro i padroni di casa, Roberto Carcangiu e Sonia Re, Presidente e Direttore Generale di APCI. Sono inoltre stati invitati a partecipare il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Maurizio Martina, e il Ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini. Ad animare la tavola rotonda i presidi e i docenti di tutti gli Istituti alberghieri d’Italia, insieme a una rappresentanza di ogni regione degli chef APCI.

Vogliamo concretizzare il dialogo tra ristorazione professionale e giovani promesse commenta Roberto Carcangiu, presidente di APCI- impegnandoci a sensibilizzare il mondo delle scuole, dei docenti e di coloro che accolgono gli stage, al tema dell’apprendistato, l’espressione più alta dell’incontro concreto tra il mondo lavorativo e quello alberghiero”.

Il momento di confronto tra associazioni, istituzioni, ristoratori e scuole vuole offrire proprio lo spunto per poter collaborare, creando un circolo virtuoso che porti valore a tutti i protagonisti, formando i futuri chef all’esercizio di una professione che richiede sempre di più una preparazione a tutto tondo e tanta concretezza.

Al termine della tavola rotonda un momento di degustazione dei prodotti toscani Dop e Igp e un momento di formazione per imparare a valorizzare questi prodotti nella cucina quotidiana di ogni locale.