Chef e Ristoranti

Lo Champagne è on the rocks

Con un pizzico d’audacia, osò farlo per prima, qualche anno fa: versare on the rocks uno Champagne creato ad hoc. È così che la maison Moët & Chandon ruppe le regole e rivoluzionò il modus bibendi con il Moët Ice Impérial: vestito bianco, colore dorato e massima ricchezza al palato. Espressa in una sinfonia di sapori fruttati e di sfumature dolci (mou e cotognata). Mentre la seduzione dell’olfatto passava attraverso un bouquet aromatico fatto di note tropicali, accenni speziati, toni eleganti di ciliegia e lampone, nonché dettagli vegetali di ribes nero e menta piperita. Un nettare volitivo ed eclettico, ancor oggi di grande tendenza. Soprattutto in estate, per una summer drinking experience cui fanno da complici (nel calice) qualche fogliolina di menta, buccia di lime o di pompelmo e qualche seme di cardamomo.

Uno Champagne cool, suadente e irriverente, che ora si presenta in un’inedita versione rosé, ancora più “osé”: il Moët Ice Impérial Rosé. Da sorseggiare sotto il sole o sotto e stelle. Servito rigorosamente col ghiaccio in un ampio bicchiere da vino. Per meglio godere del suo color rosa brillante e vibrante, del suo aroma fragrante e del suo delizioso finale dolce-amaro. Un’etichetta chic, vocata alla libertà e alla freschezza e capace di farsi notare: in piscina, in spiaggia o su una terrazza. Merito anche del suo profilo e del suo attento assemblaggio, che elegge una predominanza di pinot nero (45-55%, di cui 10% di vino rosso), una buona dose di pinot meunier (35-45%, di cui sempre 10% di vino rosso) e un 5-10% di chardonnay. A cui si aggiungono vini di riserva accuratamente selezionati.

E per esaltare l’esperienza on-ice? Bisogna andare online (sul sito ufficiale della maison) e scaricare la playlist griffata dal un talentuoso due francese quale Sylq Studio. Che ha creato dieci pezzi esclusivi, pronti a spaziare dall’upbeat pop al più raffinato laid-back lounge. Per accompagnare ogni festoso momento tasting & glamour.