#ilFoodResiste

Dama Dama riapre con un menu gourmet fatto di eccellenze locali

Riapre all’insegna di un menu fatto di contaminazioni il ristorante gourmet Dama Dama, all’interno dell’Argentario Golf Resort & Spa, con la sua incredibile terrazza panoramica affacciata sull’Argentario e l’atmosfera di uno chalet di caccia.
Dopo la chiusura forzata, finalmente il 4 luglio è ripartita la cucina 5 stelle bio di Emiliano Lombardelli, Executive Chef del Dama Dama e del Club House Restaurant, che insieme ai Sous Chef David Giovanili e Massimiliano Menchetti propone in carta piatti caratterizzati dalla sostenibililtà e con una forte identità gustativa.

Le eccellenze locali si incontrano così in un menu gourmet, che attinge alle materie prime a km 0 – con un particolare riguardo alla ricerca degli aromi e delle erbe aromatiche – ma che non rinuncia alle tecniche della cucina francese e orientale.

A Dama Dama – che in realtà è il nome scientifico del daino che popola i boschi vicini al resort – vengono proposti menu degustazione da quattro, sei o otto portate, con una selezione di proposte stagionali, che mettono al centro del piatto i sapori autentici degli ingredienti del territorio, con la pasta lavorata a mano, la selvaggina o il pesce, fino alle proposte alternative vegetariane, vegane e gluten free. Una cucina che, come sottolinea l’Executive Chef Emiliano Lombardelli, rispecchia il legame con il territorio dell’Argentario oltre che della sua infanzia, valorizzando il legame con le materie prime nazionali. Senza dimenticare però l’innovazione e la sperimentazione, con alcuni piatti dagli accostamenti inediti (ma indovinatissimi) come la Sottilissima di gamberi rosa dell’Argentario, perle di lime e pepe Timut, o, fra i primi piatti, il Tortello di “buglione” di pollo bio, la Maremma dimenticata. A chiudere le proposte la carta dei dolci, affidata al giovanissimo Marco Selis. Fra i plus di Dama Dama, non va ovviamente dimenticata la cantina, curata dal Restaurant Manager e dal Sommelier Nicola Alocci, con una selezione delle eccellenze enologiche della Toscana (e non solo), con aziende biodinamiche e vini naturali.

production mode