Fiori di zucca ripieni di Quinoa e verdure su crema di spinacino

Preparazioni

Per i fiori di zucca

Dosi per: 1

Fiori di zucchina 5 pz

5 pz

Brodo Vegetale 125g

125g

Scorza di limone 0,2g

0,2g

Aglio 0,1g

0,1g

Zenzero 0,1g

0,1g

Quinoa 25g

25g

Carote 20g

20g

Zucchine 20g

20g

Peperone rosso e giallo 20g

20g

Sedano rapa 20g

20g

Olio extravergine d'oliva 8g

8g

Sale 0,7g

0,7g

Erba cipollina 2g

2g

Bollire il brodo vegetale con le spezie e il sale. Sciacquare e asciugare la quinoa quindi cuocerla nel brodo per assorbimento totale coprendola con pellicola o coperchio. Nel frattempo, tagliare tutta la verdura del ripieno a brunoise e, una volta cotta la quinoa, aggiungerla a questa ancora calda in modo che continui la cottura mantenendosi comunque croccante. Lasciare raffreddare il ripieno a temperatura ambiente steso su di una Gastronorm. Una volta raffreddato, unire l’erba cipollina tritata e inserirlo in un sac à poche senza punta.

Per la crema di spinacino

Dosi per: 1

Spinacino 50g

50g

Latte di mandorle 10g

10g

Scalogno 5g

5g

Olio extra vergine 5g

5g

Tritare lo scalogno e appassirlo in olio extravergine con il sale. Aggiungere lo spinacino e cuocere solo per 10 secondi. Trasferire in un mixer e frullare insieme al latte freddo in modo da fissare il colore. Passare la salsa al setaccio.

 

Servizio

Dosi per: 1

Tagliare i pomodorini a fettine sottili in modo da formare un carpaccio tricolore; spennellare con olio e condire con un pizzico di sale. Cuocere i fiori di zucca a vapore solo il tempo necessario affinché l’interno sia caldo. Servire con salsa di spinacino e il carpaccio di pomodorini

Questa ricetta è:

senza glutine

senza lattosio

senza uova

vegan

senza soia

senza grani

a cura di Emanuele Giorgione

Cucinare per tutti

Senza glutine, senza frutta secca, senza prodotti di origine animale, senza soja, raw: solo apparentemente queste definizioni presuppongono una rinuncia. Attraverso più di 60 ricette, divise tra aperitivi, antipasti, creme e zuppe, carboidrati, cereali e pseudocereali, proteine e dessert, lo chef Emanuele Giorgione, vero esploratore di una cucina moderna, free e pulita, propone la sua visione del “senza” per dimostrare come un piatto per essere gustoso, appetibile, stimolante e naturalmente nutriente non abbia bisogno di ingredienti di origine animale.

Shop Italian Gourmet
Vai allo Shop
production mode