Gin & Tonic, la granita dell’estate!

Preparazioni

acqua tonica 240 g

240 g

acqua 240 g

240 g

cetrioli 360 g

360 g

saccarosio 135 g

135 g

destrosio 20 g

20 g

ginepro 3 g

3 g

menta fresca 1, 5 g

1, 5 g

petali di rosa 60 g

60 g

gin Hendrick’s q.b.

q.b.

Utilizzare l’acqua tonica, possibilmente una Fever-Tree classica, in sostituzione di metà dell’acqua: il petillant evapora ma rimangono le note amaricanti del chinino.
Inserire gli zuccheri e i cetrioli, sbucciati e ridotti in polpa, frullare bene e inserire in infusione i petali di rosa e le bacche di ginepro schiacciate. Lasciare riposare una notte, meglio due, e filtrare eliminando le bacche di ginepro e i petali di rosa, avendo cura di strizzarli un poco.
Dare un’ultima frullata e montare la granita.
Al momento del servizio, aggiungere nella granita una dose non avara di gin Hendrick’s e miscelare con un frullino da frappè.

NOTE
I cetrioli dovrebbero essere non troppo grandi e possibilmente tendenti al dolce. Il quantitativo di ginepro invece, come per tutte le altre spezie ed erbe aromatiche, dipende in maniera sostanziale dalla qualità impiegata e dallo stato di conservazione, pertanto le dosi indicate vanno modificate di volta in volta.

Una ricetta di Gianfrancesco Cutelli, nata dall’assaggio di una fantastica granita al cetriolo, ginepro e fragoline realizzata dal maestro pugliese Francesco di Nunno. Volendo estremizzare il concetto, qui viene utilizzata l’acqua tonica che si sposa perfettamente con questo gin e i botanical dell’Hendrick’s, sono richiamati da cetriolo e petali di rosa, le due note aromatiche distintive di questo distillato.

Scopri tutte le altre ricette contenute nel volume Avanguardia Gelato, edito da Italian Gourmet!

a cura di Redazione Italian Gourmet

production mode