Chef e Ristoranti

Chocolat pairing, il Salon du Chocolat ha il suo FuoriSalon

Il Salon du Chocolat ha anche il suo FuoriSalon. L’estroso pasticcere milanese Enrico Rizzi ha infatti pensato di organizzare (in una data ancora da definirsi) un inedito tasting nella sua boutique di via Cesare Correnti. Per una serata ad altissimo tasso goloso e curioso, complice la presenza di un sommelier, abbinamenti insoliti e tavolette di cioccolato davvero creative. Disponibili al pubblico solo a partire dell’1 marzo, ma acquistabili in via eccezionale durante la speciale degustazione.

Ecco allora che il cioccolato alla bottarga corteggia l’ammaliante Passito di Pantelleria Ben Ryé firmato Donnafugata, per un incontro giocato sulle note del fascino, della fragranza e del duetto sapidità-dolcezza. E poi? Arriva il cioccolato alla ’nduja, dalle note leggermente piccanti, felici di inchinarsi alla regale Duchesse de Bourgogne, birra acetica di gran classe. Il cioccolato Aomori, prezioso di tè verde mat-cha e sesamo nero, sposa invece un’infusione di fave di cacao. Per un funambolico viaggio fra note erbacee e tostate.

E con la Coca-Cola? Una rilettura ironica della pizza: cioccolato al pomodoro e origano. Mentre un estratto di mela e zenzero accompagna il cioccolato Dulcey con sale di Maldon e fave di cacao. Per concludere con il rum Malteco del Guatemala di ben dieci anni d’invecchiamento. Pronto a dialogare con un cioccolato all’Ariosto. No, non Ludovico (autore dell’Orlando furioso), ma il celebre mix di aromi. Anche se un po’ di folle pazzia in questi cioccolati c’è.