Chef e Ristoranti

Milano d’estate? Meno stress, più locali sempre aperti

Passerete un'estate in città? Allora ecco tanti consigli per vivere Milano d'estate. E non solo Milano ma anche i suoi dintorni e soprattutto qualche gita fuoriporta per gustare un buon vino. Tante idee e tanti locali aperti anche in agosto.

Una breve guida per godersi Milano d’estate se restate in città. Locali, divertimento, posticini da non perdere per una cena o un dopocena speciali.

Il caldo si è finalmente placato, la città si sta man mano svuotando: è davvero il momento perfetto per godersi questa meravigliosa Milano d’estate senza stress.
E se la sera avete voglia di qualche idea per una cena o un dopocena come si deve, ecco alcune insegne pronte ad accogliervi, all’aperto e con chiusure estive piccolissime.

La storicità in un’insegna: Giacomo Milano

Giacomo Milano, quattro dei locali milanesi sempre aperti: tra i punti di riferimento della grande ristorazione milanese c’è sicuramente Giacomo Milano attivo anche nella Milano d’estate, il gruppo di otto locali storici fondato da Giacomo Bulleri, oggi splendido 94enne. Ciascuno dei locali di Giacomo offre atmosfera e proposte differenziate per un pubblico di affezionati sempre più ampio. Quest’estate rimarranno aperti in modo continuativo:
Giacomo Arengario, La terrazza più chic della città con una vista unica sul Duomo di Milano,rinomato per il menù goloso ed elegante, l’ideale espressione della grande cucina italiana, per il suo bellissimo cocktail bar. Giacomo Arengario è aperto tutti i giorni dalle 12.
Giacomo Caffè, al piano terra di Palazzo Reale: il primo caffè museale di Milano poetico ed intimo, ideale per sfogliare libri d’arte prima di visitare una mostra, godersi un aperitivo o un pranzo in un’atmosfera d’altri tempi.
In via Sottocorno, in zona Porta Romana troveremo aperti:
Giacomo Bistrot per una cena romantica in un quadro classico ed elegante, all’insegna della migliore tradizione milanese e italiana, da sempre punto di ritrovo per artisti e vip già dai tempi della Milano da bere
il pranzo sotto la pergola o la cena estiva all’aperto con gli amici da Giacomo Rosticceria per un pranzo o una cena al fresco sotto la poetica veranda.
– infine per chi è in Versilia: Giacomo ha anche uno dei più bei locali del centro storico della città di Pietrasanta, è aperto da un anno esatto l’ultimo ristorante del gruppo Giacomo con specialità di pesce e grande cucina toscana per un locale che segna il “ritorno a casa” di Giacomo Bulleri.

 

Pescheria con cottura: buon pesce a due passi da Corso Como

Per chi ha deciso di rimanere a Milano in agosto ma non vuole rinunciare ai sapori del mare, all’atmosfera calorosa e a piatti mediterranei. Il ristorante rimarrà aperto tutta l’estate, ad eccezione del pranzo di sabato. Da Lecce a Milano, Daniele e Fabio Ingrosso hanno portato la cucina mediterranea nella zona di Porta Garibaldi. Selezione quotidiana del pesce fresco direttamente al bancone e una proposta di menù sempre diversa, in base al pescato del giorno. All’interno del ristorante, si trova il lounge bar dedicato al momento dell’ aperitivo: i drink sono pensati su misura sulle proposte dello chef, proponendo una degustazione con protagonisti i distillati, le spezie e i sapori del Mar Mediterraneo in abbinamento a crudité e sfiziose ricette di pesce.

 

Da Giolina, per una pizza a lume di candela

Voglia di Pizza & Cocktail? Da Giolina! La pizza si degusta con buonissimi cocktail, freschi e originali, in un locale che sembra riportare indietro nel tempo, nella vecchia Milano. È la seconda di una famiglia di locali tutti diversi che stanno cambiando Milano; è la sorellina dandy-rock di Gelsomina, raffinata e calorosa pasticceria siciliana. Giolina invece offre pizza e cocktail: una napoletana golosa, elegante e singolare, piena di materie prime rare che sono micro-eccellenze italiane; e con la pizza ci sono i cocktail, signature drinks che evocano la grande storia di Milano. Aperto sia a pranzo che alla sera.
Chiusura dal 15 al 18 agosto

Voglia di gelato? Da Ciacco, all’ombra della Madonnina

Il ‘gelato senz’altro’ di Ciacco vi aspetta dietro al Duomo in una delle vie più eleganti della città, Via Spadari. Con Ciacco si viaggia dai sapori più esotici e gli abbinamenti più sorprendenti, per poi tornare al territorio emiliano e alla grande cucina italiana con sorbetti e gelati come il vitello tonnato, la carbonara, il tortello e il suino nero emiliano. Ma anche prodotti non locali che il chimico – gelatiere Stefano Guizzetti scopre, studia e abbina come il sorbetto alla banana, aglio nero e pepe di Sichwan, o il gelato con alga wakame e whiskey torbato. Tutto questo è Ciacco: un inedito concetto di gelato che porta a Parma dal 2013 e a Milano dal 2014 una cultura nuova, basata sulla ricerca e sulla promessa di un gelato dalla percezione aromatica più intensa, dalla texture fedele alla materia prima di qualità, più buono e più digeribile costruendo fin da subito una community sempre più affezionata e curiosa, abituandola a sperimentare con estrema fiducia.
Ciacco chiuderà solo dal 12 al 15 agosto nelle sue tre sedi: via Spadari 13 a Milano, viale Mentana 91 e Strada G. Garibaldi, 11 entrambe a Parma.

Siete a Milano d’estate ma avete voglia di una gita fuoriporta?
Ecco qualche idea per coniugare ottimi vini e natura: bastano pochi chilometri per ritrovarsi in vacanza, stando praticamente a due passi dalla città.

La Bonarda in Oltrepò

Un progetto che prende vita nel 2015 e che negli anni continua ad appassionare, un progetto territoriale, un’iniziativa di gruppo che vede le cantine dell’Oltrepò Pavese fare sistema e crescere insieme in nome di uno dei vini più iconici della Lombardia: La Mossa Perfetta, la Bonarda dei Produttori. Votati alla qualità assoluta, sono in 14 a lavorare insieme dal 2015 per diffondere una Bonarda “perfetta”: frizzante, allegra, tecnica, proprio come una volta. Tra i colli affascinanti e senza tempo dell’Oltrepò Pavese, vi aspettano per una degustazione speciale insieme a tutti i prodotti tipici del territorio che si sposano con questo vino antico ed equilibrato, ma soprattutto gioioso e vivace.

Il Buttafuoco, vitigno storico

Il Club del Buttafuoco Storico conta solo 11 produttori che hanno deciso di lavorare a una vitigno storico dell’Oltrepò Pavese seguendo un disciplinare molto rigido che, se pur con una produzione ridotta, garantisce una qualità eccellente. Un territorio meraviglioso che presenta non solo occasioni di scoperte enogastronomiche tra vino e tipicità, ma anche percorsi naturalistici a piedi o in bicicletta, che portano a panorami rari e lontani dal caos milanese.

La Valpolicella e il veronese

Un’azienda vinicola familiare e storica, insita nel territorio veneto più amato e conosciuto del vino dal 1811. Proprio in Valpolicella sorge Santa Sofia, tra vigne e vecchi casali ristrutturati. Per una passeggiata al fresco delle colline veronesi e una degustazione del meglio della zona, tra Valpolicella, Ripasso e Amarone delle migliori annate. Il vino di Santa Sofia è un prodotto di punta e di successo nel mercato nazionale e internazionale, in continua crescita fra wine-lover e appassionati.