Albert Adrià

Chef

 

Il nome Adrià è noto in lungo e in largo nel mondo culinario. Ferran Adrià ha guadagnato la fama come i più grandi cervelli dietro l’ormai leggendario ristorante spagnolo El Bulli, mentre suo fratello minore, Albert Adrià ha guadagnato punti nel mondo culinario, come il dietro le quinte genio della pasticceria.

Cresciuto in un quartiere popolare alla periferia di Barcellona, la curiosità culinaria di Albert Adrià è venuta da Ferran. Nel 1985, all’età di 15 anni, il più giovane Adrià ha lasciato la scuola per unirsi al team di El Bulli. Per due anni, ha lavorato il suo estro attraverso ogni stazione della cucina.

Durante gli inverni, quando el Bulli chiude le sue porte, Adrià ha lavorato ipresso rinomati ristoranti come Tutull a Terrassa e Escriba a Barcellona. Ha fatto uno stage presso Totel in Elda, con il maestro cuoco Francisco Torreblanca, e a Parigi con Guy Savoy.

Nel 1997, Adrià ha lasciato el Bullito per dedicarsi a tempo pieno al suo libro, Los Postres de El Bulli (Dessert El Bulli), che è stato pubblicato nel 1998. Il Taller si rivelarono ben presto indispensabile, e una sede più grande è stata scelta nel cuore di Barcellona. Insieme a Castro e Ferrán, Albert si dedicò interamente al brainstorming, nuove idee per il menu dell’anno successivo. Durante questo periodo, ha continuato la sua formazione, con tappe a Michel Bras, The Fat Duck, Mugaritz, e con Martin Berasategui e Charlie Trotter, tra gli altri.

Nel 2006, Adrià ha lasciato el Bulli e Taller per aprire Bar Classic Inopia a Barcellona,​insieme al suo amico d’infanzia Juan Martínez. Il bar è una pausa dalla pressione costante creativa di el Bulli, con particolare riguardo alla tradizionale “fer Vermut,” lo stile catalano di tapas godono. Con Inopia, Adrià è tornato ai classici, anche se ammette che le tecniche che usa e le fasi di pianificazione per il menu sono tutt’altro che convenzionali.

Nel 2009, Adrià ha pubblicato il suo secondo libro, Natura, per acclamazione popolare.

da starchef.com

production mode