Appuntamenti

Alla prima edizione il Bonaventura Maschio Pairing Challenge 2019

Vincono il nuovo contest di cocktail pairing Marcello Trentini e Carlotta Linzalata, del ristorante Magorabin, a conferma che la sinergia tra chef e bartender assume sempre maggiore importanza

In collaborazione con la squadra italiana dell’associazione Jeunes Restaurateurs d’Europe, presieduta da Luca Marchini de L’Erba del Re a Modena, il 16 e il 17/6 si è svolta la prima edizione del Bonaventura Maschio Pairing Challenge, il contest di cocktail pairing organizzato dalla Distilleria Bonaventura Maschio presso la loro storica sede, a Gaiarine (TV). Una giuria di stampa e una di esperti del settore, presieduta da Marco Reitano, chef sommelier del ristorante La Pergola di Roma e Presidente dell’associazione Noi di Sala, hanno valutato le proposte di otto chef che hanno lavorato con otto bartender per avvicinare il mondo della mixology a quello gastronomico. Le otto coppie dovevano presentare un abbinamento tra un piatto (antipasto, primo, secondo o dessert) e un signature cocktail (pre-dinner, after-dinner o long drink), entrambi contenenti tra gli ingredienti una delle tre varianti del distillato d’uva Prime Uve, ovvero “Prime Uve Bianche”, “Prime Uve Nere” e “Prime Uve Oro”.
«La giuria ha valutato tutte le preparazioni cercando di ritrovare in ciascuna i profumi del distillato Prime Uve: alcuni abbinamenti sono stati particolarmente azzeccati, creando un’armonia di somiglianze e di contrasti nel dialogo tra piatto e drink» ha spiegato Marco Reitano «Il Bonaventura Maschio Pairing Challenge può essere considerato uno spaccato del mondo della ristorazione attuale, in cui la collaborazione tra bartender e cucina va incoraggiata e aumenta di giorno in giorno».
Spiega Federico Lorefice, CEO e fondatore del Congusto Gourmet Institute e uno dei giurati tra gli addetti ai lavori di questa prima edizione «Siamo ancora agli albori del food pairing con i cocktail, alla luce di questo contest comprendiamo quanto ancora in Italia siano distanti il mondo della sala e quello della mixology. Detto questo, il primo e il secondo posto sono stati meritatissimi, lodevole la creatività coinvolta nell’interpretare piatto e drink in sintonia l’uno con l’altro.»
Primo posto per lo chef Marcello Trentini e la bartender Carlotta Linzalata con “Maialino bbq, trota, cocco, pecan” servito in abbinamento a Grape, is the new black! «Un miscelato a base di Prime Uve Nere e Oro che contiene profumi che ricordano l’Asia donando freschezza» ha detto un felice Marcello Trentini.
Secondo posto per lo chef Giorgio Bartolucci e al bartender Vincenzo Brindisi di Atelier Restaurant (Domodossola, Verbania), mentre il terzo va allo chef Nikita Sergeev e al bartender Leonardo Niccià del Ristorante l’Arcade (Porto San Giorgio, Fermo).

a cura di Francesca Tagliabue