Eros Picco

Chef

 

Con Tommaso Arrigoni frequenta l’Istituto Alberghiero “CARLO PORTA”, dove professori come M. Bosotti e C. Sadler riescono a trasmettergli la passione e le basi di questa professione antica.
Contemporaneamente, gli stages estivi, che hanno accompagnato il percorso scolastico, hanno aiutano a muovere i primi passi tra cucine e fornelli di ristoranti nelle più rinomate località turistiche. Questo è solo l’inizio del viaggio alla ricerca del gusto.

Nel ’91, in un ristorante della provincia di Milano, condividono il loro piccolo bagaglio di conoscenze: “ci confrontiamo decidendo che per sviluppare i nostri sogni e appagare le nostre aspettative abbiamo bisogno di plasmarci entrando a far parte di una brigata di cucina nella ristorazione d’élite”.

Decidono così di separasi, mantenendo però i contatti e scambiandosi le rispettive esperienze. Iniziano così a collaborare per ristoranti come il “Sadler” di Milano, l’Antica Osteria del Teatro di Piacenza e alcuni tra i migliori Relais & Chateaux francesi del calibro di “Le Jardin des Sens” di Montpellier, “La Cote Saint-Jacques” a Joigny e “Jean Bardet” a Tours, che rafforzano la loro padronanza tecnica ed abilità nel trasformare prodotti.

I periodi trascorsi negli Stati Uniti d’America migliorano l’approccio in fatto di grande organizzazione; mentre i viaggi in Oriente, in particolar modo la permanenza in Giappone, consente di scoprire l’utilizzo di nuove materie prime e tentare nuovi abbinamenti, che risultano interessanti anche per i loro palati.

Nel 1998 rilevano Innocenti Evasioni, allora gestito in modo familiare e iniziano la loro avventura. Dopo un anno, arrivano i primi risultati: “pubblico” e critica li invogliano a continuare a volte ad iniziare il viaggio alla ricerca del gusto e del piacere a tutto tondo. Cercano di unire ad una cucina genuina e curata negli in gradienti e nella forma, il calore di un ambiente rilassante, dove il servizio vuole essere attento, ma non invadente.

Innocenti Evasioni

Ristorante 
www.innocentievasioni.com
production mode