Social trend in cucina

Come apparecchiare la tavola di Natale in modo impeccabile e con qualche nuova idea

I piatti sono stati cucinati con amore; i regali scelti con cura e impacchettati con gusto ed eleganza; i bigliettini scritti e le telefonate di rito fatte. Per accogliere tutti nel giorno più magico dell’anno manca solo un dettaglio, tutt’altro che piccolo: la tavola.

La tavolata di Natale deve essere impeccabile, deve riflettere la tradizione e lo spirito della giornata e deve parlare della nostra personalità. E soprattutto deve essere bella.

Ma come fare? Quali regole vanno rispettate per non scadere nel pacchiano. E chi ha poco tempo? Quali sono i colori e i temi più di moda? Lo abbiamo chiesto a chi di eleganza se ne intende: Giorgia Fantin Borghi, affermata professionista dell’organizzazione di eventi speciali legati all’arte del buon ricevere.

La Borghi ha individuato per noi diverse tipologie di tavola natalizia, regalando consigli su come apparecchiare una tavola di Natale che incanti gli ospiti.

Un grande classico

«Natale ormai da anni è sinonimo di oro. Lo troviamo ovunque sulla tavola, nel bordo di antichi piatti della nonna, riesumati dalla credenza di famiglia e rivisitati in chiave moderna, ma anche nelle posate, sempre più frequenti in versione lucida oppure opaca, acquistabili con una spesa non eccessiva in molte delle grandi catene che si occupano di home decor. Mescolato ad ogni stile di apparecchiatura conferisce subito alla tavola un tocco prezioso e ricercato. Unica accortezza? Non esagerare».

Le tendenze del momento

Urban wild

«Il trend più forte di quest’inverno è certamente il tocco animalier anche sulla tavola. Texture di diverse consistenze materiche glamour o urban, morbide o più strutturate ma sempre accattivanti. Maculato, tigrato, pitonato, zebrato. L’accento “wild” nell’apparecchiatura si mescola a foglie e fiori esotici in un mix che ospita anche oro e glitter per un effetto lusso irresistibile».

La Tavola Naturale

«Purezza nel design, spesso dal sapore geometrico, si mescola ad un’estetica ispirata principalmente ai materiali naturali: dai legni chiari, sobri e caldi alla lussuosa rigorosità del marmo, combinando colori saturi e preziose venature. Perfetti in questo caso i materiali di recupero e i semplici utensili di facile reperibilità come specchi, ciotole e taglieri».

British Hit

«Intramontabile la classica combinazione rosso-verde in perfetto stile inglese, quest’anno però alla tradizione si aggiunge un twist particolare con l’utilizzo di colori diversi ed in forte contrasto, soprattutto con accessori tavola non convenzionali che renderanno la mise en place contemporanea e “spumeggiante”».

Natale Rosa croccante

«Oro e rosa. Il grande successo di questa coppia sta nell’armonia dell’abbinamento che, per non diventare stucchevole e troppo zuccheroso, deve ammiccare alla moda, con una palette colori via via sempre più intensa. Calibrare bene lucido e opaco è fondamentale. Il trucco sta nel combinare motivi tradizionali con dettagli giocosi e contrastanti creando schemi “esagerati”».

Scegliere i colori

«Come per ogni cosa, spesso l’uso di un solo colore anche per la tavola può trasmettere monotonia. Al contrario, troppi colori tendono spesso al caos che fa sovente rima con kitsch. Armonia è la parola d’ordine ma per chi non è un asso negli accostamenti di colore, suggerisco di adottare la regola del 3.

Stampate dal web una “Ruota dei Colori” e disegnate al suo interno un triangolo dai lati identici: qualunque sia il colore da voi scelto come riferimento, gli altri vertici indicheranno quelli più giusti da abbinare. Infallibile!».

Non solo tovaglia

«Chi ha detto che per vestire bene una tavola sia necessaria solo la tovaglia di lino o di fiandra? Ormai la tendenza è per il tavolo “nudo” senza coperture, sia per risparmiare tempo e detersivi, sia per un effetto più attuale.

Se siete fan del tavolo vestito però siate creativi, pensate ad utilizzare coperte con pattern e texture interessanti, o perché no, una composizione di vecchi foulard di seta della zia. Effetto “wow” assicurato».

Decorazione bella e anche buona

«Possedete solo piatti completamente bianchi? Create il punto colore con una decorazione che poi i vostri ospiti potranno gustare. Un boccone delizioso e colorato che servirà così a un doppio uso».

Centrotavola alternativo

«Chi non vuol spendere una fortuna in fiori e decorazioni potrà agire d’astuzia creando un bel centrotavola usando della semplice ovatta da cuscino, ben disposta sul tavolo, sopra la quale si potranno appoggiare piccole miniature di deliziosi animaletti invernali: cerbiatti, scoiattoli, orsi polari, magari chiedendoli in prestito ai piccoli di casa. Con un filare di luci a batteria l’effetto “foresta incantata” sarà garantito».

No plastic, please

«Sempre meglio evitare le bottiglie di plastica su una bella tavola elegante, bruttine assai. Meglio una bella caraffa e se proprio non la possedete acquistate al supermercato una bottiglia di acqua in vetro trasparente, rimuovete l’etichetta e decoratela con un nastro e un semplice ramo di bacche rosse. Perfetta!».