Santo Colla

Panificatore

 

Era il 1969, quando ho aperto il mio primo forno – racconta Santo Colla – un piccolo panificio in una zona semicentrale. Ma facevo il fornaio dall’età di 11 anni, e chiamarla gavetta non basta. Dopo qualche anno, tanti sacrifici e vicissitudini familiari, ho trasferito l’attività in zona fiera, nello stesso locale che ancora oggi è gestito da mia moglie Anna, un negozio di quartiere dove poco a poco ci siamo fatti apprezzare per la qualità del nostro prodotto e per la serietà del servizio. Poi, otto anni fa, la svolta: a 56 anni, quando la maggior parte della gente comincia a pensare alla pensione, ho deciso che era il momento giusto per ampliare l’attività.
E, da otto anni, il mio lavoro si svolge prevalentemente qui, in viale Jenner, dove, con uno dei miei quattro figli, Angelo, ho trasferito il laboratorio.
Un capannone di 2600 mq, una metà adibito a magazzino e l’altra metà a laboratorio super attrezzato dove, sotto l’occhio vigile di Santo e Angelo, lavorano una trentina di panificatori e 6 autisti partono quotidianamente per consegnare pane e prodotti da forno in tutta la città.
Ci ho messo dentro tutta la mia vita e quella dei miei figli. Un impegno enorme, sia come investimento economico sia come fatica, perché da una produzione di 4 quintali di pane al giorno in otto anni siamo passati a 14. Quando l’ho rilevato, il capannone era in condizioni disastrose ed è stato necessario effettuare una serie di interventi strutturali importante. Inoltre, per allestire uno spazio così vasto è stato necessario acquistare nuovi macchinari, grossi impianti. Ma il locale era l’ideale per realizzare il mio progetto e ne valeva la pena.

Panificio Colla Santo

Panificio 
Un progetto ambizioso scaturito dalla fama che Santo Colla si è guadagnata in tanti anni di duro lavoro. Servire l’alta ristorazione e l’hôtellerie milanese. Sollecitato da più parti, primo fra tutti l’amico Sergio Mei, chef del prestigioso Four Seasons, Santo Colla decide di accettare la sfida di rifornire col suo pane i migliori ristoranti, alberghi, catene di ristorazione, bar, aziende e show room della moda che a Milano costituiscono il tessuto dell’alta società. Avevo un locale, e soprattutto un laboratorio, troppo piccoli per soddisfare tutte le richieste che ricevevo. Ho dovuto scegliere tra rinunciare ad ampliare il lavoro e investire per riuscirci. Ho scelto la sfida. Oggi il panificio Colla rifornisce quotidianamente, oltre al già citato Four Seasons, i più bei nomi della ristorazione meneghina. Per citarne solo alcuni: Hotel Principe e Savoia, Gallia, Palace, ParkHyatt, Brunelleschi, Galileo; poi gli stilisti, come Bulgari per il quale realizza in esclusiva un pan carré speciale al nero di seppia, Gucci, Ferré, Prada; grandi gastronomie come lo storico Peck; le più grandi aziende della zona e numerose imprese di catering. Un centinaio di referenze, declinate dai pani convenzionali a quelli speciali, a ricette espressamente realizzate su precisa indicazione dei migliori chef, la pasticceria da forno. Un’attività imponente e frenetica, gestita con estrema serietà e organizzazione ferrea. www.panificiocollasanto.com
production mode