Carlo Cracco

Chef

 

Cucinare col cuore e con la testa
“La mia cucina è sempre avanti rispetto ai tempi, l’ho cercata negli anni e l’ho trovata solo nel momento in cui è divenuta davvero riconoscibile”. Può sembrare che a volte pecchi di presunzione Carlo Cracco, questo autentico prodigio della cucina italiana, ma chi si è seduto almeno una volta alla sua tavola sa che davvero ci si trova di fronte a preparazioni d’avanguardia.
Basti pensare a come ha rivoluzionato con semplici ed essenziali invenzioni ricette classiche, come l’insalata russa, che caramellata diventa entrée di grande glamour, o il tuorlo d’uovo marinato, simbolo dell’ossessione dello chef per questo alimento.
Piatti che si mangiano in un solo boccone, ma che richiedono invece una preparazione lunga e articolata, quasi fossero esperimenti scientifici anziché una vera e propria magia per il palato, come tutti ormai gli riconoscono. È una continua sorpresa Carlo Cracco, lui che aveva pensato di entrare in seminario e che poi si è ritrovato a fare esperienza a Milano, al fianco di Gualtiero Marchesi, per trasferirsi in seguito in Francia, nei templi sacri della gastronomia d’Oltralpe, guidato da Alain Ducasse e Lucas Carton. Nel 2000 torna a Milano e in collaborazione con la storica gastronomia meneghina, dà vita al ristorante Cracco-Peck, che può fregiarsi di due stelle Michelin e che dal 2007 diventa completamente suo. Stupire il commensale con sempre nuove creazioni è la sua mission, “voglio che il mio ospite trovi da mangiare cose che non si sarebbe mai aspettato, sapori che ricorderà a lungo e se li ricorderà vorrà dire che sono davvero unici”.

Il cibo è cultura
Cracco definisce la sua una cucina cerebrale e di cuore, una passione, un gesto d’amore, basato sul grande rispetto per il cibo, sulla ricerca costante che non può separarsi dalla volontà di suscitare emozioni sempre nuove. Alla base della sua filosofia un assunto imprescindibile: il cibo è cultura, perché parla dei luoghi in cui nasce, racconta le storie delle persone che lo hanno curato. “È importante sapere da dove viene l’ingrediente – spiega lo chef – , chi e come lo ha fatto arrivare sino a noi”. Una ricerca la sua dunque tutta incentrata a regalare all’ospite un’esperienza unica, piena e creativa, pur privilegiando sempre la pulizia e la nitidezza dei sapori. “Oggi non si mangia più per necessità, ma per divertimento, e io voglio far sempre divertire il mio ospite…”.

Cracco

Ristorante 
Il Ristorante Cracco nasce il 1 Luglio 2007 da ristrutturazioni e radicali cambiamenti. Gli interni, completamente rinnovati ed ampliati, sono stati affidati allo studio degli architetti Beretta che hanno realizzato un ambiente elegante e confortevole, reso più prezioso dalla boiseriè di ciliegio che ricopre le pareti. Le sale possono accogliere una sessantina di ospiti, offrendo un’atmosfera ariosa, modernissima ed elegante, perfettamente in linea con la cucina innovativa di Carlo Cracco. Un piccolo tavolo per al massimo quattro persone, la “table d’hôte”, si affaccia come su un acquario sul tavolo dello chef e dei suoi collaboratori. La cucina, diretta e guidata dallo chef Carlo Cracco, rivisita i piatti della cucina tradizionale milanese, e non solo, proponendoli in una chiave contemporanea, combinando i sapori e giocando sui contrasti. L’immaginosità e la raffinatezza della cucina di Cracco, inoltre, sono amplificate da una cantina unica, risultato di un’accurata selezione, che mette a disposizione dei clienti circa 2.000 etichette selezionati tra i migliori vini presenti sul mercato mondiale. Il Ristorante Cracco vanta 2 stelle Michelin ed è tra i 50 Migliori Ristoranti al Mondo. www.ristorantecracco.it
production mode